Home Varie Varia DESPERATE CALL - GIACOMO RIGGI
DESPERATE CALL - GIACOMO RIGGI
desperate call cover def

© Sun Village Records 2020
dal 13 novembre sulle piattaforme digitali



Esce il 13 novembre “Desperate Call”, il secondo singolo 2020 del cantante, compositore, polistrumentista toscano Giacomo Riggi. Il brano, prodotto da Filippo Bubbico, esce su etichetta Sun Village Records e sarà accompagnato da un videoclip realizzato da MILT Studio e Davide Mellone.
Desperate Call è un chiaro S.O.S., un appello alle istituzioni, a chi ha potere decisionale e all’Arte stessa. Una richiesta di aiuto per poter affrontare tutto ciò che affligge il mondo dell’artista, dall’impossibilità di godere di ciò che ama fare, di far godere il pubblico, all’impossibilità di guadagnarsi da vivere. Nonostante l’unico approccio possibile sia l’ottimismo e la speranza, l’artista è afflitto, abbattuto e vuoto, incapace di imparare un copione, di memorizzarlo, di decifrarlo, di farlo proprio, e ammesso che ci riesca, andrebbe in scena davanti ad un pubblico assente, in un teatro inanimato. Non resta che accettare lo stato delle cose chiedendo alla propria Musa la forza, l’amore, la gioia e gli “utensili” necessari alla sopravvivenza, restituendo tutto ciò che sembra perduto. 





DESPERATE CALL - Lyrics

Don’t leave me hanging, don’t leave me dry,

don’t let the fire starting in your eyes.


Give me the soul I will never have

Give me the strenght I will never have

Give me the love I will never have

This is my desperate call


Don’t try to please me, just take your time,

I’ll try to keep my voices clean and bright 

Give me the soul I will never have

Give me the strenght I will never have

Give me the love I will never have

This is my desperate call 

Don’t close your windows, don’t fight the wind

I’ll try to keep my monsters out of sight


Give me the things I will never have

Give me the life I will never have

Give me the light I will never have

This is my desperate call 


Give me the space I will never have

Give me the mind I will never have

Give me the faith I will never have

This is my desperate call 


Give me the tools I will never have

Give me the strength I will never have

Give me the joy I will never have

This is my desperate call 


Give me the soul I will never have

Give me the love I will never have

Give me the time I will never have

This is my desperate call


BIOGRAFIA
Giacomo Riggi nasce a Barga (Li). Consegue il diploma in strumenti a percussione con il massimo dei voti presso l’Istituto Superiore di studi musicali “P. Mascagni” di Livorno. Vince una borsa di studio nel 1999, nel 2000 vince il primo premio come solista nel 2002 (Città di Fusignano) e il premio "Waltex jazz competition" nel 2010 con il suo progetto "Isevarm".  

E’ direttore di gruppi vocali, autore di opere sinfoniche e di musica da camera. Ha suonato con grandi nomi del jazz, come Paul McCandless, Luciano Biondini, Danilo Rea, Tony Scott, Tino Tracanna, Stefano "cocco" Cantini, Cristina Zavalloni e molti altri. Ha effettuato tournée in Italia, Giappone, Cina, India, Russia, Spagna, Germania e Colombia. Ha al suo attivo 15 dischi e scritto e realizzato decine di opere musicali.          
Lavora in qualità di pianista band leader per la compagnia Holland America Line dal 2016 e come performer per la compagnia Royal Caribbean International per lo  spettacolo “Sonic Odyssey” dal 2017. Nel 2019 è pianista band leader per la compagnia Cirque du Soleil per la creazione e tour in Canada e Nord America del nuovo spettacolo su ghiaccio “Axel”.

Nel 2015 pubblica il disco Linea S (Workin’ Label / Ird), concept album ispirato al testo di Raymond Queneau "Esercizi di stile". Giacomo scrive la sua musica attorno a undici estratti dalla traduzione di Eco, recitati magistralmente dall’attore Guido Ciavola, dando forma a 7 composizioni la cui esecuzione è affidata a Piero Bronzi, Gabrio Baldacci, Gabriele Evangelista e Bernardo Guerra.

Nel 2016, per la prima volta in veste di cantante e autore, pubblica il disco dal titolo Into my life (Workin’ Label / Ird) contenente 7 canzoni originali in lingua inglese, registrate tra la Colombia e l'Italia insieme a Gabrio Baldacci, Brian Vasquez e Jacobo Alvarez.
Nel 2018 esce Plastic Song il singolo e relativo videoclip che denuncia il danno che la plastica sta causando al nostro pianeta. Il singolo è stato supportato dall'organizzazione Plastic Pollution Coalition ed è stato tra le opere selezionate per il Festival Wav Venice Audio Visual Show 2019. 

Ad aprile 2020 ha pubblicato il singolo I’ll be right back  (Workin’ Label) con sonorità affini al rock, dall’indie all’alternative, che sfiorano anche sperimentazioni trip-hop. 




Sito ufficiale