Home ARTISTI Varia
Varia


moksha pulse cover rid

FROM NOVEMBER 16
IN RECORD STORES AND DIGITAL DOWNLOAD
© WORKIN' LABEL 2016 / I.R.D. Distribution


Moksha Pulse is the debut album of the guitarist and composer Umberto Tricca. His work has arisen from the fascination that Indian music holds for him, together with his involvement in rhythm issues, the Afro-Cuban rumba counterpoint and his interest for the sound of Contemporary Classic Music. These have been Umberto research topics during the last years. 
The name of this project comes from the Sanskrit word "Moksha" that means “emancipation, liberation” and it’s related to the choice of the composition style, the need to move away from any preset constrained structure through the processing of all the possible interactions between traditions, music styles and  contemporary jazz, apparently so heterogeneous. 
With these points as basis, Umberto puts together a sextet with some of the best musicians in the Italian jazz scene: the saxophonists Achille Succi and Giacomo Petrucci, the vibraphonist Nazareno Caputo, the double bass player Gabriele Rampi Ungar and the drummer Bernardo Guerra. 
This group reveals not only an aesthetic consistency to the poetic and the writing of Moksha Pulse but also the necessary level of visionary creativity that exalts open spaces, abstract atmospheres and emphasises the collective sound research of the whole work.


Umberto Tricca, guitar
Achille Succi, alto sax, bass clarinet       
Giacomo Petrucci, baritone sax
Nazareno Caputo, vibraphone    
Gabriele Rampi Ungar, double bass
Bernardo Guerra, drums

MORE INFORMATIONS



TRACKLIST
1. Slow Passacaglia (Intro)
2. Jhumra tal
3. Burning in Varanasi
4. Moksha pulse
5. Empty sky
6. Chango rebel
7. Lude (Vijay Iyer)

All compositions by Umberto Tricca except “Lude” by Vijay Iyer
Recorded on February 2016 @ Jambona Lab, Cascina (Pi) Italy
Mix and mastering by Antonio Castiello

 

REVIEWS

STORIE DI MUSICA - COMPLETE COMMUNION - SOUNDCONTEST

STORIE DI MUSICA - FOLK BULLETIN - ARTE E ARTI


 

download-on-itunes-300x112_thumb_medium150_56

deezer-logo
spotify logo

BUY 
WORKIN' LABEL CD SHOP

choose destination
 

angelo mastronardi quartet color


After his lucky debut with the piano trio album “Like at The Beginning” (Dodicilune/IRD), that received enthusiastic reviews and was awarded by the magazine JAZZIT, Angelo Mastronardi published the new album in quartet with Emanuele Coluccia (tenor and soprano sax), Stefano Rielli (double bass) and Alex Semprevivo (drums).  
In line with the debut work, “New Things, Same Words” reveals in its title the key elements for the interpretation of the author’s concept map, referring to originality as a combination of preexisting elements. Melodic spontaneity is combined with structural research. The recording includes all original compositions written by himself except for track 6, written by Emanuele Coluccia. For the first time he introduces new instruments like Fender Rhodes, soprano and tenor saxophone. The harmonic language is more complex, quite in opposition to the simple and cantabile melodies, that however hide sophisticated rythmic textures and unusual metric solutions, in line with the research started by the pianist in his debut album. Improvisations reveal the influence of the new American avant – garde and the jazz tradition with a typical European sensibility for sound, space and dynamics. 

Angelo Mastronardi is pianist and composer.He started his musical journey by himself and immediately he combined classical music with improvisation.He studied at Tuscia in Jazz Summer Camp 2012 with Aaron Goldberg, Donny McClaslin, Scott Colley and Antonio Sanchez and later he followed the clinics at Berklee College in Boston at Umbria Jazz in 2016 with the american pianist Kevin Harris.He played in many Festivals like the Umbria Jazz Festival 2016 with the organist Dennis Montgomery III and bassist Paul Del Nero, Cotton Club in Rome and he opened Stefano Bollani’ solo piano concert during Festival Città della Musica di Squinzano in 2015. Degree in Communication Sciences at the University La Sapienza in Rome, he studies Jazz Composition at the Conservatory N. Piccinni.In February 2014 he published "LIKE AT THE BEGINNING", his first album as Leader, for the record label Dodicilune, enthusiastically received by the critics for its originality and versatility, earning the label Jazzit Likes! By JAZZIT magazine as one of the best albums of 2014. In April of 2015, on the centenary of Billy Holiday’s death, he participates along with some of the most famous names of the Italian jazz scene in the recording of "Hunger and Love", for the record label Dodicilune.

 

 





OFFICIAL SITE

YOUTUBE CHANNEL


DISCOGRAPHY
New things, Same words
© GleAm Records 2017
cover_new things same words
more information


Like at the beginning
© Dodicilune 2014
cover_likeatthebeginning


 

ANGELO MASTRONARDI'S NEW ALBUM
"NEW THINGS, SAME WORDS"

cover_new things same words
TO BE RELEASED ON JANUARY 11
© GleAM Records 2017

 

“New Things, Same Words”, the second album of the Italian pianist Angelo Mastronardi, is now available worldwide and in digital stores, produced by “GleAM Records” label. 
After his lucky debut with the piano trio album “Like at The Beginning” (Dodicilune/IRD), that received enthusiastic reviews and was awarded by the magazine JAZZIT, Angelo Mastronardi published the new album in quartet with Emanuele Coluccia (tenor and soprano sax), Stefano Rielli (double bass) and Alex Semprevivo (drums).  In line with the debut work, “New Things, Same Words” reveals in its title the key elements for the interpretation of the author’s concept map, referring to originality as a combination of preexisting elements. Melodic spontaneity is combined with structural research. The recording includes all original compositions written by himself except for track 6, written by Emanuele Coluccia. For the first time he introduces new instruments like Fender Rhodes, soprano and tenor saxophone. The harmonic language is more complex, quite in opposition to the simple and cantabile melodies, that however hide sophisticated rythmic textures and unusual metric solutions, in line with the research started by the pianist in his debut album. Improvisations reveal the influence of the new American avant – garde and the jazz tradition with a typical European sensibility for sound, space and dynamics. 

 



TRACKLIST
1 New Things, Same Words
2 Irish Air
3 Hydra
4 Gare Du Nord
5 Southern Medicine
6 Tere
7 Burggarten


All compositions by Angelo Mastronardi, except “Tere” by Emanuele Coluccia

Recorded in april 2016 at Sudestudio, Guagnano (Le) - Sound engineer Stefano Manca
Mix and mastering at Studio Sorriso, Bari - Sound engineer Tommy Cavalieri


download-on-itunes-300x112_thumb_medium200_74   deezer-logo_thumb_medium150_46  spotify logo 



PRESS OFFICE
Workin' Label  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


MORE INFORMATIONS

 
STEFANO GUARASCIO

ENGLISH VERSION

1 stefano guarascio

CLASSICA

Leggi tutto...
 
ANGELO MASTRONARDI "NEW THINGS, SAME WORDS"

ENGLISH VERSION

cover_new things same words

Leggi tutto...
 
PIANO PIANO FESTIVAL 2016
Leggi tutto...
 
Edizione 2015

banner pianopiano 

PROGRAMMA
 

- GIOVEDI 2 -
CASA CALIGNANO - LECCE

MATIJA DEDIC
matija dedic 5

ENRICO ZANISI
zanisi rossa rid
VILLA DE GIORGI - MONTERONI DI LECCE

ROBERTO ESPOSITO
esposito web
- SABATO 4 -
CASINA ROMITA - LEQUILE (LE)

CAROLINA BUBBICO
carolina by bursomanno rid
- DOMENICA 5 -
CASA SANNINO - LECCE

MARIAGRAZIA LIOY
lioy rit
maggiori informazioni

GREG BURK
GIACOMO RIGGI MAZZONE
giacomo riggi 3
maggiori informazioni
______________________________________________________________________________________________________________________
I PARTNERS


SPONSOR

logo fineco

Location Private

Casa Calignano  Casa Sannino 

villa degiorgi  casina romita


Aziende

logo_vallone_bn_rgb      apollonio_logo   
 taurosso bianco  
 logo gala

con il Patrocinio di
logoconscolore 

Media Partners

aurora logo    mondoradio marchioweb   logo rcp



CONTATTA L'ORGANIZZAZIONE

logo nero web
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
JAZZ CONTEMPORARY CLASSIC catalogue
GIUSEPPE CIABATTONI
"SACRED SPRING"
cover sacred spring_1440px
maggiori informazioni
Choose your destination

SMOGZ
"A ESTRADA"
cover a_estrada1400x1400
maggiori informazioni
Choose your destination
TOMMASO GAMBINI
"THE MACHINE STOPS"
cover_the machine stops 1440
maggiori informazioni
Choose your destination

DARIO CONGEDO TRIO
"DON'T QUIT"
dont quit cover 1440x1440px
maggiori informazioni
Choose your destination
 

LUCA ALEMANNO
"I CAN SEE HOME FROM HERE"
cover i can see home from here 1440
maggiori informazioni
 


MARCELLO ZAPPATORE
"SUSCO"
susco 1440x1440
maggiori informazioni

FILIPPO BUBBICO
"SUN VILLAGE"
cover sun-village
maggiori informazioni
 
EMANUELE COLUCCIA
"BIRTHPLACE"
birthplace_1440
maggiori informazioni


FRANCESCO DEL PRETE 
"COLIBRì"
colibri cover 1400x1400
maggiori informazioni
 

CLAUDIO QUARTARONE
"CHANGES"
cover changes-1440px
maggiori informazioni
  
ORAZIO SARACINO
"INCONTROTEMPO suite"
incontrotempo-cover-1440x1440
maggiori informazioni

IRENE SCARDIA TRIO
"RISVEGLI"
maggiori informazioni
 
MATTEO CONA
"SOMETHING TO DO ON SUNDAY"
cover_matteo-cona_rid
maggiori informazioni

SPAMPINATO/SPINA
"REFLUSSI"
reflussi 1440x1440
maggiori informazioni

WELL IN C∆SE
"WELL IN CASE"

cover_well in case
maggiori informazioni

download-on-itunes-300x112_thumb_medium200_74

STEFANO GUARASCIO
"HAYDN RAVEL LISZT-BUSONI"
stefano guarascio cover rid
maggiori informazioni
choose your destination

LOCOMOTIVE YOUNG JAZZ
 "LIVE COMPILATION 2015"

copertina-ljf rid
maggiori informazioni

download-on-itunes-300x112_thumb_medium150_56

UMBERTO TRICCA
"MOKSHA PULSE"
moksha pulse cover rid
maggiori informazioni

LA CANTIGA DE LA SERENA
 
"LA SERENA"
copertina_cd_quadrata_1440
maggiori informazioni
 
BUFIS / SABBATINI
"ICELAND"
iceland_cover rid
maggiori informazioni
 

WILLIAM GRECO
"CORALE"

copertina corale rid
maggiori informazioni

GIACOMO RIGGI MAZZONE
"LINEA S"
copertina linea s new
maggiori informazioni
 

MATIJA DEDIC
"LIGHERIAN RHAPSODY"

cover ligherian  rhapsody rid

maggiori informazioni

EMANUELE COLUCCIA
"IL VOLO"

il volo cover-1rid

maggiori informazioni
download-on-itunes-300x112_thumb_medium150_56

FRANCESCO GUAIANA QUARTET 
"UNSAID SONGS"

unsaid copertina

maggiori informazioni
 

ROBERTO ESPOSITO 
"THE DECADES"

decades
maggiori informazioni
 

TRAN(CE)FORMATION QUARTET 
"NAUTILUS"
nautilus copertina taglio
maggiori informazioni
 

IRENE SCARDIA
"I GIORNI DEL VENTO"
copertina gdv

maggiori informazioni
download-on-itunes-300x112_thumb_medium80_30


ASCOLTA LA PLAYLIST SU SPOTIFY

 
 
PIANO PIANO FESTIVAL 2020

ppf  2020 fb evento

Leggi tutto...
 
WILLIAM GRECO

ENGLISH VERSION

william greco prova
JAZZ / CLASSIC

Leggi tutto...
 
VOCALS & SONGS catalogue

GIACOMO RIGGI
"I'LL BE RIGHT BACK"
cover ill-be-right-back_riggi
MAGGIORI INFORMAZIONI

CAROLINA BUBBICO
"TORNAR"

copertina tornar 1440x1440
MAGGIORI INFORMAZIONI

FILIPPO BUBBICO
"ON THE MOON"
cover_on the moon
CAROLINA BUBBICO
"PRENDILA COSI"
copertina prendila cosi - carolina bubbico jpg


FILIPPO BUBBICO
"SUN VILLAGE"
cover sun-village
maggiori informazioni
 
GIACOMO RIGGI
"PLASTIC SONG"
cover_plastic song_giacomoriggi
maggiori informazioni
 
available-on-itunes-logo
CRISTIANA VERARDO
"LA MIA VOCE"
copertina verardo
maggiori informazioni

download-on-itunes-300x112_thumb_medium150_56

ADRIANA POLO
"MANI"
cover mani-1400x1400 copia
maggiori informazioni

CAROLINA BUBBICO
 "UNA DONNA"
cover_unadonna_600
maggiori informazioni

 

GIACOMO RIGGI MAZZONE
"INTO MY LIFE"
cover_1440
maggiori informazioni

RAFFAELE VASQUEZ
"ME"

copertina 22me22 rid
maggiori informazioni

LA CANTIGA DE LA SERENA
 
"LA SERENA"
copertina_cd_quadrata_1440
maggiori informazioni

CAROLINA BUBBICO 
"CONTROVENTO"
maggiori informazionidownload-on-itunes-300x112_thumb_medium80_30

GIUSEPPE MOFFA
"TERRIBILMENTE DEMODE"

copertina_moffa_seppia ridmaggiori informazioni
 


GIULIANO VOZELLA 
"ORDINARY MILES"

copertina ordinary rid
maggiori informazioni


CLARA ROMITA
"SOTTO CONTROLLO"
clara romita - copertina
maggiori informazioni


ASCOLTA LA PLAYLIST SU SPOTIFY

 
LOCOMOTIVE YOUNG JAZZ 2015

giovanni chirico 2

GIOVANNI CHIRICO 
Intraprende gli studi musicali inizialmente da autodidatta con la chitarra, fortemente incuriosito dall'hard rock e dal metal, per poi passare al sax, con il quale studierà prima la tecnica classica al Conservatorio di Monopoli (BA), raggiungendo ottimi risultati ed arrivando alla vittoria del Mottola ConcourSax nel 2011. Attualmente è laureando al biennio di musica jazz del Conservatorio di Bari. La sua esperienza artistica lo porta a perfezionarsi seguendo vari seminari, masterclass e lezioni private sia con musicisti classici (Marco Gerboni, Gabriele Semplicino, Jouan Imenez Alba) che, dopo l'esperienza alle clinics di Umbria Jazz, con improvvisatori e musicisti di jazz (Enrico Rava, Javier Girotto, Bob Stoloff, Marshall Allen, Roberto Ottaviano, Andrea Centazzo, Roberto Gatto, Bepi D'Amato, Tom Kirkpatrick, Stjepko Gut, Attilio Troiano, Rotem Sivan, Raffaele Casarano, Marco Bardoscia).      
Si diploma al conservatorio di Monopoli il 05/07/2012 con il massimo dei voti.           
Nel frattempo entra in contatto con Roberto Ottaviano, musicista noto in tutta Europa e non solo, nonché docente del corso di Jazz al Conservatorio di Bari, del quale è allievo. Si esibisce in pubblico con concerti di vario genere che vanno dalla musica classica/contemporanea ai confini del rock, del jazz, della sperimentazione e delle musiche etniche.
È presente in varie formazioni tra cui la Big Band del Conservatorio N. Piccinni di Bari, in qualità di primo sax alto solista, il progetto “Ancestrali” di Roberto Ottaviano, il gruppo “Kaìlia” da lui fondato, Joan's Duo con il chitarrista Francesco Bellanova. Fa parte degli Young Lions di Larry Franco con i quali ha partecipato al tour estivo del 2015, culminato con il PolicoroInSwing. A dicembre ha fatto parte del sestetto “Ipcress Files”, capeggiato da Giovanni Falzone e Roberto Ottaviano, con i quali ha suonato nei Conservatori di Cosenza, Matera, Bari e Monopoli. Il tour è terminato l'11 Dicembre 2015 con un concerto alla Casa del Jazz di Roma. Dall'inizio del 2016 crea un progetto insieme al trombettista Giorgio Distante, con composizioni originali tra il contemporary jazz e la musica del Mediterraneo. 
Dal 2013 collabora con l'associazione barese “MusicaInGioco”, direttore artistico Andrea Gargiulo, che lo impegna didatticamente come docente di strumenti a fiato e direttore d'orchestra presso alcune scuole elementari e penitenziari minorili (o comunità pubbliche per minori) in tutta la Puglia. Facebook https://www.facebook.com/jouannspaola.chiricobarone

giorgia faraoneGIORGIA FARAONE 
Nata a Galatina (Le), intraprende lo studio del canto all'età di 8 anni. All'età di 13 anni inizia a studiare pianoforte classico con il maestro Luigi Fracasso, contemporaneamente inizia a cimentarsi nei primi live, concerti, spettacoli e operette.  Da sempre appassionata della musica soul e jazz, nel 2012 è ammessa al corso di Canto Jazz del Conservatorio Tito Schipa di Lecce, conseguendo il diploma triennale con il massimo dei voti.
L'attività concertistica inizia nel 2009 in collaborazione con diverse associazioni musicali (tra le quali ODA con sede a Taurisano) e con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce (Big Band diretta dal Maestro Luigi Bubbico).
Nel 2013 è premiata dal Maestro Bob Stoloff con una Borsa di Studio rilasciata in occasione di un Workshop di Improvvisazione Musicale tenuto presso Accademia di Musica Moderna Vocal Academy.
Nel 2015 E' tra i vincitori del bando 'giovani' lanciato dal Locomotive Jazz Festival, progetto sotto la direzione di Raffaele Casarano e organizzato in collaborazione con Workin Label. È  finalista insieme al gruppo Gsus Quartet del Festival dei Conservatori a Frosinone. Nell'estate 2015 per l'evento "Summer Jazz Week" (Matino) ha aperto i concerti di "Trace Elements" (Paolo di Sabatino - Christian Gálvez - Jojo Mayer) e "Gegè Telesforo & Soundzero". Attualmente è impegnata in varie formazioni musicali, tra le quali il suo quartetto neosoul e 'Albireo duo' insieme al pianista Daniele Dell'Anna. Quest'ultimo progetto, contaminato da varie influenze e stili moderni, presenta brani originali e arrangiamenti di standard. Il linguaggio musicale intrapreso è la ricerca di nuove forme e l’autenticità espressiva dei materiali sonori, lasciando tutto interagire nella sintonia improvvisativa. Facebook https://www.facebook.com/giorgia.faraone


foto romano cut
ROCCO ROMANO
Nasce a Tricase (Le) il 6 Maggio 1996. Comincia ad avvicinarsi al mondo della musica a circa 9 anni, iniziando a prendere le prime lezione di batteria e in seguito di basso elettrico e chitarra (quest’ultima soltanto come autodidatta, sebbene fosse già lo strumento preferito).
All’età di 14 anni conosce il maestro di chitarra Alessandro Dell’Anna, con il quale inizia lo studio più approfondito dello strumento, della teoria musicale e del jazz. Segue tali lezioni private per cinque anni stringendo un fondamentale rapporto di stima ed amicizia con il docente.
Aderisce inoltre a numerosi workshops nella provincia di Lecce con numerosi musicisti italiani, tra cui Franco Cerri, Bebo Ferra etc. Nel 2013, all’età di 17 anni, Rocco partecipa alle Umbria Jazz Clinics organizzate annualmente a Perugia in occasione del festival (dal 2 al 14 Luglio). Le lezioni, come ogni anno, erano tenute dai docenti della Berklee (scuola di musica di Boston), ed è proprio uno di questi, il chitarrista Mark White, a consigliare a Rocco il programma Five Weeks direttamente a Boston.
Dopo aver vinto una borsa di studio (in seguito ad un’audizione ed un colloquio online), l’estate successiva partì per Boston per più di un mese di lezioni e jam sessions presso la famosa scuola Berklee.
Viene selezionato nel 2014 dal progetto “Locomotive Jazz Giovani” il quale gli permette di conoscere nuovi musicisti e di suonare in diverse occasioni nel corso dell’anno ( come ad esempio durante lo stesso Locomotive Festival a Lecce ).
Nel 2015, finito il Liceo Classico, parte in Olanda per partecipare alle audizioni della ArtEZ School of Music in Arnhem, nella quale frequenta attualmente il corso Bachelor di chitarra Jazz & Pop. 

Facebook https://www.facebook.com/rocco.romano.186

 

 

tarso

DANILO TARSO 
Nasce a Taranto nel 1991. Ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di 13 anni. Nel 2014 si diploma con il massimo dei voti e la lode presso l’Istituto Musicale “G. Paisiello” della sua città sotto la guida della professoressa Giusy Francavilla. Vince il "Premio Laureati Meritevoli" con borsa di studio e concerto premio organizzato dal Rotary Club Taranto. A partire dal 2008 ha affiancato alla formazione accademica regolare la frequenza di Masterclass Pianistiche con alcuni tra i più importanti pianisti e docenti italiani: Roberto Cappello, Bruno Canino, Michele Marvulli e Pierluigi Camicia. Nel 2013 viene scelto dal Maestro Bruno Canino quale miglior allievo per esibirsi in un concerto solistico a Roma. 
Nel 2011 intraprende gli studi di Pianoforte Jazz con il Maestro Nico Morelli. Fin da subito ha la possibilità di avere delle collaborazioni con musicisti pugliesi noti nel panorama jazzistico come Raffaele Casarano, Marcello Nisi, Guido di Leone, Andrea Sabatino, Elisabetta Guido, Enzo Lanzo, Francesco Angiuli..
Intanto frequenta vari Seminari Jazz e Masterclass di perfezionamento e contribuiscono alla sua formazione musicisti come Rita Marcotulli, Dado Moroni, Barry Harris, Stefano Bollani, Flavio Boltro, Enrico Rava, Marco Tamburini, Roberto Ottaviano, Emanuele Cisi, Bebo Ferra, Dave Holland, Mark Shilansky, Jeff Stout, Dino Govoni, Michael Blake, Steve Lehman, Chris Tordini, Coby Brown.
Nel 2013 incide su disco come organista il TE DEUM di Giovanni Paisiello, opera per coro, soli e organo.
Da Gennaio 2014 nasce una importante collaborazione con la cantante jazz salentina Elisabetta Guido. Nell’Ottobre dello stesso anno, dopo un tour che ha toccato città come Milano, Parigi, Napoli, Firenze, Roma, e Lecce, il duo con l’aggiunta del sassofonista Roberto Ottaviano, incide un disco per la prestigiosa etichetta italiana Dodicilune Records.
Nell’agosto 2014 frequenta I Seminari di “Nuoro Jazz” dove gli viene assegnata la Borsa di Studio come “Miglior Allievo” e l’anno dopo si esibisce in alcuni importanti Festival Jazz (TIME IN JAZZ, SIENA JAZZ FESTIVAL, NUORO JAZZ).
Nel Marzo 2015 rappresenta Siena Jazz in due concerti presso il prestigioso “Teatro la Fenice” di Venezia per la stagione SVC Giovani. A Luglio si esibisce in due concerti all’International Jazz Festival di Siena con il “Siena Jazz School Ensemble” in apertura al concerto dei “Siena Jazz Master” che ha visto protagonisti Fulvio Sigurtà, Walter Smith III, John Escreet, Matt Penman e Mark Guiliana.
È stato scelto per far parte del gruppo che Enrico Rava ha diretto come leader e solista ai Seminari Internazionali Estivi di Siena Jazz 2015. 
Si esibisce in piano solo nello storico Anfiteatro Romano di Lecce per il Locomotive Jazz Festival 2015 e vince il Premio “Locomotive Jazz Festival Giovani 2015”.
In seguito si esibirà con il “Siena Jazz Quintet” all’Opus Jazz Club per il Festival Jazz di Budapest, alla fiera “CremonaMondoMusica2015” e nella “Sala Concerti” dell’Accademia Chigiana di Siena. Nel Dicembre scorso suona all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi per il progetto “GiosiJazz” con studenti di jazz del Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris, con Riccardo del Fra e Stefano Franceschini.
Dall’11 al 14 Aprile 2016 sarà ad Amsterdam al BIMHUIS con Marco Benedetti, Enrico Morello, Vittorio Cuculo e Tommaso Iacoviello per la finale del “KEEP AN EYE INTERNATIONAL JAZZ AWARD 2016”, contest internazionale al quale parteciperanno Manhattan School, Berklee College of Music, Siena Jazz, Escola Superior de Música de Catalunya e Conservatorium van Amsterdam. Facebook https://www.facebook.com/danilo.tarso.5

giulia tedesco

GIULIA TEDESCO 
nasce a Casarano, in provincia di Lecce, il 19 Ottobre 1989.
Comincia a studiare jazz all'età di 20 anni, frequentando "Il Pentagramma" di Bari per circa un anno e studiando canto con Paola Arnesano. Parallelamente, studia pianoforte jazz con Giuseppe Magagnino. Nell'estate del 2010 partecipa al Berklee Summer School at Umbria Jazz Clinics, vincendo un attestato di merito dalla commissione insegnanti Americana ed un premio da parte del direttore artistico Giovanni Tommaso per aprire i concerti di Umbria Jazz Winter dello stesso anno, assieme ad altri sei musicisti, scelti dal medesimo. Nel 2012 inizia il Triennio in Canto Jazz presso il Conservatorio di Musica "Tito Schipa" di Lecce, diplomandosi nel Marzo 2016 con una tesi di laurea su Bill Evans. Nel 2015 partecipa al progetto Locomotive Giovani, possibilità che le permette di seguire, durante il percorso, diverse masterclass con importanti musicisti, per poi condividere il palco dell'anfiteatro di Lecce con altri musicisti partecipanti in occasione dell'apertura al concerto di Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura.

filippo galbiati

FILIPPO GALBIATI
Si laurea col massimo dei voti in Pianoforte Jazz presso il conservatorio Tito Schipa di Lecce. 
Perfeziona la conoscenza dell’idioma jazzistico frequentando le Clinics Berklee ad Umbria Jazz, i seminari di Tuscia in Jazz, i workshop del Locomotive Jazz Festival e le masterclass del Bologna Jazz Festival studiando con: Reggie Moore, Tom Kennedy, Mark Shilansky, Mattew Nicholl, Aaron Goldberg, Flavio Boltro, Roberto Ottaviano, Enrico Rava. Attivo in ambito live e facente parte del progetto inedito Sidewalk Cat Quintet vincitore del premio jazz “Nicola Arigliano” e finalista del “Tuscia in Jazz European Award”. Attualmente frequenta il Biennio in Pianoforte Jazz sotto la guida del M. Greg Burk presso il Conservatorio G.B. Martini di Bologna.
Tra il 2014 e il 2015 partecipa alle attività del Locomotive Jazz Festival dedicate ai giovani partecipando a workshop e mastercalss con Roberto Ottaviano, Flavio Boltro e
Marco Bardoscia ed esibendosi sul palco della 10° edizione del Festival.

 

 

alessandro faviaALESSANDRO FAVIA
Nato a Bari nel febbraio 1996, inizia ad avvicinarsi allo studio del saxofono e delle percussioni all'età di undici anni. Frequenta il corso di saxofono classico al Conservatorio "Niccolò Piccinni" di Bari con il M° Fabio Sammarco ove consegue il diploma nel luglio 2016. Partecipa a numerose masterclass con maestri del calibro di Federico Mondelci, Marco Gerboni , Eugene Rousseau. Tra il 2014 e il 2015 partecipa alle attività dedicate ai giovani per il Locomotive Jazz Festival.


 
Staff - Piano Piano Festival

logo pianopiano

PARTECIPA ALLO STAFF DI VOLONTARI

 

Ti piacerebbe partecipare all'organizzazione di Piano Piano Festival 2016?
Vivi l'emozione di partecipare al festival "dal di dentro", stando tra le fila di chi organizza e contribuisce alla buona riuscita degli eventi!
Quest'anno il Piano piano festival apre le porte a tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo, perciò cogli l'occasione ed entra a far parte del team!

CHI CERCHIAMO?

Cerchiamo persone attive e motivate dall'amore per l'arte e la musica, che condividano lo spirito "dal basso" che anima l'intero festival e che abbiano voglia di donare il proprio tempo al Piano piano festival: l'attività di volontario non è retribuita


LE MOTIVAZIONI

Piano piano festival è l'unico appuntamento salentino con la musica jazz, perciò ci piacerebbe accogliere volontari che abbiano interesse per la musica e abbiano le capacità organizzative/comunicative/logistiche per essere d'aiuto all'intera squadra.
E’ richiesta una discreta flessibilità di orari, con possibilità di lavorare in serata e nel weekend (in cambio di un'esperienza davvero unica, che renderà questa estate 2016

COSA PUOI FARE

Accogliere gli artisti e il pubblico e dar loro le informazioni di cui hanno bisogno; documentare e raccontare i concerti con le tue fotografie, i tuoi video, i tuoi post; aiutare nella produzione del festival, occupandoti della logistica e dando una mano nell'allestimento degli spazi... e seguire i concerti gratuitamente, naturalmente!
Se hai delle competenze che vuoi mettere a servizio del festival, proponiti!

DIVENTA VOLONTARIO!

Che ne dici? Se vuoi salire a bordo, compila il modulo di candidatura e spediscilo, unitamente al tuo CV, all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Ti contatteremo al più presto!



SCARICA IL MODULO

 
Redi Hasa

redi hasa


Redi Hasa è il violoncello più creativo nell’area della musica adriatica, tra le sponde italiche e balcaniche. Già pilastro della Bandadriatica, ora stretto collaboratore di Ludovico Einaudi, Redi costruisce sul suo violoncello una “polifonia monostrumentale” nelle sfumature folk e in quelle più ardite della reinvenzione della tradizione.

Nato a Tirana nel 77, inizia gli studi giovanissimo alla Virtuos School of music e successivamente all’Academy of Arts di Tirana dove si diploma nel 1998. Lo stesso anno vince una borsa di studio presso il Conservatorio Tito Schipa di Lecce dove consegue il  diploma pochi anni dopo.

Ha collaborato con Officina Zoè, Xanti Yaca, Salento Orchestra, Manigold, Adria, BandAdriatica, Admir Shkurtaj Trio, “L’Orchestra Popolare Italiana” e con artisti quali King Naat Veliov, Kocani Orkestra, Ambrogio Sparagna, Claudio Prima, Emanuele Coluccia, Eva Quartet, Enza Pagliara.

Dal sodalizio con la cantante Maria Mazzotta nasce il disco “Ura” (Finis Terrae 2014) che porta alla luce i legami possibili tra i repertori che navigano attraverso l’Adriatico unendo i Balcani e i Carpazi con le regioni del Sud dell’Italia. Attualmente in tour come solista dell’ensemble del pianista Ludovico Einaudi.

 
GIUSEPPE MOFFA

ENGLISH VERSION
moffa color 2

Leggi tutto...
 
GIUSEPPE MOFFA

moffa color 2


A timeless album, yet contemporary like few others, a bearer of 1000 aesthetic pleasures… auditory manna of great importance, a masterwork- to put it bluntly” Max Sannella - Rockshock.it


Moffa has, by this time, reached a great compositional and interpretive maturity; he eschews common world music styles and pursues his own highly evocative route… This is an excellently arranged album, well played and produced and, not of the least importance, very cool!”  A. Del Favero - Folk Bulletin

Moffa, who juggles his deep voice with guitars, bagpipes and other instruments, is anything but passe, as he makes us realize; he is, in fact, a musician who adapts tradition to the contemporary - some guitars could have come from a Knopfler album - without changing the nature of its spirit- simple but effective- original. Andrea Belmonte – La Scena.it
 

“Terribilmente dèmodè” doesn’t offer up a songwriting of the type that is aesthete, cloaked in peasant rhetoric and a return to the ‘roots’; nor does it spread World Music exotica.  Instead, without showing urban arrogance, it offers an artist’s personal sound map, one that draws from the folk world in which he grew up. Once again, Moffa’s authorial seal embraces multiple expressions to communicate with the present. With Giuseppe Moffa, one is pleased to be terribly dèmodè. Ciro De Rosa- Bloogfoolk


Giuseppe Moffa is an Italian multi-instrumentalist from the Molise region (Italy) who succeeds in linking the indisputable richness of his land to the blues. Southern Italy’s folk world is the point of departure for a musical tour of discovery, revealing the soul of the songwriter expressed with voice, guitar and zampogna (Italian bagpipe) and blending rhythm and melody with masterly precision. From contemporary music to jazz and blues, every musical current finds its place in his repertoire. In June 2010, he released his first album, Non investo in beni immobili (I do not invest in real estate), fourteen tracks representing a new expression of Italian folk music in which tradition is enriched by foreign resonances. Terribilmente démodé (Terribly démodé) arrived in May 2015. In addition to traditional pieces from Molise, the CD contains original songs, written in Italian and dialect, and two zampogna compositions. Terribilmente démodé placed among the top five nominees for the “Targa Tenco,” the highest Italian songwriting award, for best album in dialect.


OFFICIAL SITE


YOUTUBE CHANNEL


DISCOGRAPHY

TERRIBILMENTE DEMODE'
copertina_moffa_seppia rid
© Workin' Label 2015 / Ird distribution 
more informations

NON INVESTO IN BENI IMMOBILI
non investo copertina
© Irma Records 2010

 
RAFFAELE VASQUEZ

vasquez 4 rid

Leggi tutto...
 
RAFFAELE VASQUEZ "ME"

copertina 22me22 ridFrom September 21, 2015 
in record stores and on digital download
© Workin’ Label 2015 / Ird distribution


“I look out to your apparent reality
a balcony only for my liberty’
(L'arcobaleno – Raffaele Vasquez)

A woman is the one and only protagonist of all the songs. An uncommon type of woman, free from all kinds of conventions, whom the author meets and clashes with, from whom he moves away and is later reconquered by. A ‘reflection’ of a woman that mirrors the soul not of only one man, but of all of mankind with all its beliefs.
‘Me’ is all this. ‘Me’ is the new record by singer and song writer Raffaele Vasquez, who has chosen to play with a paradox selecting a title which, conversely, seems to focus on exclusive and personal themes. ‘Me’ has been released on September 21 by Workin’ Label and distributed by Ird. 
Raffaele Vasquez made his debut in 2012 with ‘Senza bastoni fra le ali’ telling about the world through the distorted lenses of irony, tracing surreal stories and fairytale narrations in music and lyrics. In this new musical adventure Vasquez felt the need to narrate his new present in a completely innovative way. The keystone of his creative process is the artistic partnership with pianist and composer Mauro Tre, who gives Vasquez the possibility of detaching himself from the symbiosis with the instruments (both piano and guitar, used in past experiences) focusing increasingly on his voice. 
The track list includes 10 songs, 9 of which are original and the other one is a cover by Piero Ciampi, ‘Hanno arrestato anche l’inverno”, which Vasquez and Tre released in a video clip as a virtual present to their fans for Christmas 2014, and as an anticipation of the upcoming work. 
Me’ is a work which stems from songs of the 60s due to the selection of sounds, and which looks at the world and mankind with a cynical and disenchanted mood. The use of Dulcimer, tape Mellotron and valve instruments in general represents a further basic ingredient in Vasquez’ songs.
Vasquez has relied on the collaboration of drummers Alessio Borgia and Paolo Provenzano, bass player Luca Alemanno, guitarist Luigi Bruno and violinist Francesco Del Prete. The editing and mixing have been assigned to Marco D’Agostinis of  MD Mastering, thus merging the different styles of the musicians who contributed to the project, thus mixing everything in an album of evergreens, which could well be listened on a utopian 78 rpm.


Track list

1. Me
2. L’arcobaleno
3. Se buono è
4. Quella giusta
5. Scindi
6. Giù nella via
7. Ti chiamerei acquavite
8. Gelosia
9. Hanno arrestato anche l’inverno (P. Ciampi)
10. Signuria

Author: Raffaele Vasquez, Mauro Tre, Piero Ciampi
Producer: Mauro Tre, Raffaele Vasquez

MORE INFORMATIONS


ITUNES DOWNLOAD

download-on-itunes-300x112



BUY

WORKIN' LABEL CD SHOP
logo nero web

 

ORDER
IRD DISTRIBUTION

IRDlogo

 

 


PRESS OFFICE
Daniela Esposito – Strategie di comunicazione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
CAROLINA BUBBICO "UNA DONNA"

cover_unadonna_600

Leggi tutto...
 
WILLIAM GRECO "CORALE"

copertina corale rid

ON DISTRIBUTION FROM OCTOBER  5, 2015
© Workin' Label 2015 / Ird distribution

 

William Greco made his debut on October 5, 2015  with his record ‘Corale’. The Salento-born pianist and composer is considered as one of the most interesting young pianists of his generation for his exceptional versatility.

In his first record, Greco merged all his musical experiences, ranging from classical music to Jazz. Melody pervades his work, yet not in the more modern and consumeristic sense, but in the most elevated sense of the term. William Greco is a classical musician as well as a Jazz performer, therefore he believes that music is strictly bound to singing; consequently, the lyrics, the command of the melodic lines, become dominant also in the most demanding and virtuoso passages. Improvisation is seen as void of technicalities and automatisms for their own sake. This concept of music best matches the title of his record ‘Corale’, which gives the title to one of his original composition.

The rhythmic section relies on the double bass Marco Bardoscia, habitual musical partners with whom Greco shares the concepts of Music and Art, and on Massimo Manzi, extraordinary drummer who plays with his instruments as if they were a complete orchestra, with a myriad of colors, nuances and silence. Sax player Raffaele Casarano and the vocalist Carla Casarano collaorate in the recording of the title track.

The album includes six original tracks:  “Incontro”, “Corale”, “Once”, “Verão”, “Inner song” e “Fryderyk” –which includes a fragment of Prelude n. 20 op. 28 by F. Chopin which follows a broad introduction, whereby, the repetition of a note creates a sort of ‘trance effect’, similar to what is triggered by the traditional folk music of Salento. Although the album contains mainly original pieces, Greco has introduced three standards from the Afro-American tradition, namely “Cherokee”, “My little suede shoes” and  “Oh que serà”. The CD is released by Workin’ Label and distributed by Ird.

 

 

TRACK LIST
1. Incontro (William Greco)
2. Cherokee (Ray Noble)
3. Se vuoi andare vai… (Marco Bardoscia)
4. O que serà (Chico Buarque)
5. Corale (William Greco)
6. Once (William Greco)
7. Verão (William Greco)
8. Fryderyk (William Greco/ Fryderyk Chopin)
9. My little suede shoes (Charlie Parker)
10.Inner Song (William Greco)

MORE INFORMATIONS

ITUNES DOWNLOAD
download-on-itunes-300x112


BUY
WORKIN' LABEL CD SHOP
logo nero web

 

ORDER
IRD DISTRIBUTION

IRDlogo

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 8